Posizione corretta per dormire: 3 consigli

posizione corretta per dormire

Posizione corretta per dormire: quanto incide sul sonno? Nell’articolo che andrete a leggere, troverete suggerimenti utili e informazioni relative alla posizione per dormire.

All’apparenza potrebbe sembrare banale, o addirittura superfluo, parlare di posizioni e posture. Ma, attenzione. Per un salutare e ristoratore sonno, la posizione  per dormire acquista rilevanza. 

In effetti, se ci fermiamo per un attimo a pensare, una tra le cause principali dell’insonnia è dovuta alla posizione che assumiamo nel dormire. Una rieducazione, atta a cambiare le abitudini inerenti la fase del sonno, può garantire un risveglio rigeneratore.

E non è importante capire a quale posizione  per dormire dobbiamo riferirci, ma cercare di abituarci a coricarci e a mantenere una postura adeguata. Sì, perché a seconda di come strutturiamo la nostra postura, dipende la qualità del sonno.

Non ci vuole il manuale dell’ortopedico sul comodino per capire a cosa sono dovuti tutti quei dolorini attivi fin dalla mattina. Vi vedo: sorrisetto laterale e sogghigno d’intesa! Colpiti nel vivo! Anche voi avete sperimentato questa brillante fase della vita, vero?

Le posture da fachiri sono infatti artefici di innumerevoli sovraccarichi al nostro povero organismo, il quale, volenti o nolenti, deve sostenere il peso di un’intera giornata. Inoltre, prolungare nel tempo la tendenza a dormire nelle più variegate posizioni, origina vere e proprie patologie.

Posizione corretta per dormire: ricetta contro vari disturbi.

Se come me, non avete l’indole ad immaginare catastrofi fisiche, basta ricordare un “piccolo” disturbo diffuso e decisamente poco gradito – il mal di testa – per capire come trovare la posizione per dormire, non è affatto impresa da declassificare.

posizione corretta per dormire cervicale 1

Mentre mi documentavo sull’argomento, ho scoperto che la posizione per dormire è un toccasana, forse il primo della classifica, e coadiuvante di uno stile di vita all’insegna del risveglio migliore.

Il mal di testa, amico inseparabile in determinate situazioni stressanti, non è l’unico problemino tecnico ad insorgere. A me è capitato molte volte di svegliarmi durante la notte a causa di dolori allucinanti alla schiena. Se state annuendo, vuol dire che anche a voi è successo. 

E magari, per paradosso, avevate anche faticato ad addormentarvi. Non me lo dite! Ricordo nello specifico una delle notti passate. Ero talmente stanca che un minatore del 1800, dopo una giornata trascorsa nel sottosuolo, avrebbe avuto una faccia meno sconvolta della mia.

Ancora non capivo che, alla base del mio risveglio involontario, c’era la mancanza di una posizione per dormire. Avevo le gambe intorpidite. Probabilmente, come mio solito, si erano nuovamente incastrate l’una nell’altra. Come sia possibile, devo ancora scoprirlo. Fatto sta che a causa del mal di schiena, non ho più chiuso occhio. Da qui l’aspetto estetico peggiore di quello del minatore che trovate cinque righe sopra.

Altri fastidi.

Proseguendo nella mia ricerca, mi sono imbattuta anche in altri inconvenienti generati dalla carenza di una posizione per dormire: cervicale indolenzita, apnee notturne, reflusso gastroesofageo e – rullo di tamburi – russamento. 

posizione corretta per dormire cervicale

Non lo sapevo che, la posizione per dormire, se ignorata, poteva causare queste sinfonie notturne. La spiegazione mi ha lasciato basita.

Se siete abituati a dormire supini, e chi divide il letto con voi è stanco di ascoltare assoli di trombone, dovete assolutamente correre ai ripari. Difatti, questa non è per voi la posizione corretta per dormire. Perché, vi chiederete. Dormire supini, permette ai tessuti molli di “viaggiare” indisturbati verso la faringe, complice la gravità, compiendo un’ostruzione. 

E’ proprio l’aria che si inspira a “musicare” la sinfonia.

Della cervicale – so che state aspettando di leggerne i rimedi – ne parliamo subito dopo.

Posizione  per dormire: apnea notturna.

Accennavo ad altri fastidi, tra cui l’apnea notturna. E’ dovuta a quanto evidenziato sopra: quando la faringe viene bloccata, in qualche modo dobbiamo respirare. E che stratagemma attua il nostro corpo per ritornare a farlo? Ci sveglia! Dicasi, appunto, apnea notturna.

posizione corretta per dormire di lato

Voglio vedervi la mattina, poi! Una corretta posizione per dormire, elimina anche questa antipatica possibilità.

Diciamocelo: la mancanza di un sonno riparatore, come lo chiamava mia nonna, genera moltissime difficoltà. E pensare che trascorriamo la maggior parte della vita a dormire (tralasciando i “superman” e le “wonderwoman” notturni). Non possiamo, quindi, permetterci di restare sonnambuli o “apneici” a vita. 

Troviamola questa benedetta posizione corretta per dormire!

Da dove partire? Approfondiamo il tema.

Posizione corretta per dormire: partire dal problema per risalire alla soluzione.

posizione corretta per dormire con mal di schiena

Che scoperta! Eh ma, non è poi così scontata come affermazione. Suvvia, cercate di seguirmi. Se per ipotesi, quando ci svegliamo abbiamo una fitta alla testa, oppure alla schiena o ancora percepiamo stanchezza, non è che adottando una posizione qualsiasi, purché corretta, ci aiuterà a svegliarci pimpanti.

Dobbiamo capire quale, tra i vari aspetti che riscontriamo al risveglio, incide maggiormente sulla nostra salute (fisica e mentale). 

Io, per esempio, soffro di mal di testa perenni. Se mi mettessi in una posizione per dormire, ma non idonea al mio problema, cosa ne ricaverei? Nulla. Continuerei ad accusare il picchio nelle tempie.

Ergo: ogni posizione corretta per dormire è associata a determinati fattori.

Da qui la distinzione:

  • Posizione corretta per dormire cervicale
  • Posizione corretta per dormire con mal di schiena
  • Posizione corretta per dormire di lato

Certamente assumere una posizione corretta per dormire aiuta sempre e comunque, ma se riuscissimo ad abbinarla a seconda del nostro problema e abitudine nel dormire, avremmo vinto la lotteria.

Partiamo ad analizzare il primo punto: posizione corretta per dormire cervicale.

Abbiamo accennato, pochi centimetri fa, che dormire supini può causare russamento. Per chi ne soffre, non è certamente la posizione corretta per dormire. Al contrario invece, per tutte quelle persone che alla mattina si alzano con il collo “cementato” alla testa, la posizione corretta per dormire cervicale è proprio quella supina.

Posizione corretta per dormire cervicale: scopriamone di più.

Come abbiamo accennato, la posizione per dormire cervicale è quella supina. Ma prima di capirne i motivi, cerchiamo di fare luce sulla definizione di cervicale. 

Il disturbo menzionato, chiamato cervicale o nello specifico del termine cervicalgia, è un dolore localizzato nelle vertebre cervicali: le famose sette ossa brevi che contraddistinguono, della colonna vertebrale, il tratto più vicino alla testa.

Quando non assumiamo una posizione corretta per dormire cervicale, la sensazione di un collo irrigidito e la difficoltà a voltarlo senza che questi scricchioli, sono le tipiche conseguenze a cui dobbiamo sottostare. Il dolore che ne deriva, infatti, può coinvolgere non solo il collo, ma anche spalle e braccia.

Chi lo ha provato, sa cosa voglio dire! Inutile il ricorso a farmaci ultra strong per attenuarne la frequenza. Se non assumiamo una posizione corretta per dormire cervicale, saremo dipendenti farmacologici a vita.

Il disturbo alla cervicale viene distinto in:

  • cervicalgia – quella vera e propria – 
  • sindrome cervico – brachiale
  • sindrome cervico – cefalica

Se proprio non possiamo evitare una certa dipendenza dai farmaci che possono aiutarci a sopportare dolori acuti, cerchiamo per lo meno di assumere sane abitudini di sonno, prima tra tutte, la posizione corretta per dormire cervicale. Esistono anche degli esercizi a cui ricorrere per prevenire la contrattura del collo.

Ma – e lo ripeto –  se durante la notte riuscissimo ad evitare le posture da contorsionisti e ci impegnassimo a mantenere una posizione corretta per dormire cervicale, non avremmo bisogno d’altro.

Posizione corretta per dormire cervicale: quale postura?

Scendiamo nello specifico della posizione corretta per dormire cervicale e capiamo a quale riferirci.

Per cominciare eliminiamo i falsi miti: non è necessario acquistare un cuscino o un materasso specifici per acquisire una posizione corretta per dormire cervicale. In effetti, se ci pensiamo, la nostra colonna vertebrale si rilassa e assume una conformazione perfettamente naturale quando sono esenti problemi “meccanici”.

Posizione corretta per dormire cervicale: errori da evitare.

Esistono tipologie di persone che seguono le più strane tendenze del momento, arrivando a dormire con più cuscini possibile. Delitto! L’utilizzo di cuscini, posti in ogni zona del corpo, rende innaturale la postura e di conseguenza compromette un regolare sonno.

Per una posizione corretta per dormire cervicale un cuscino è più che sufficiente. Dovrà essere collocato nel modo appropriato: sotto la testa e sotto il collo – ciò vuol dire che il collo deve appoggiare e non scivolare dal cuscino – fino alla cervicale (nella parte bassa della stessa) terminando alle spalle (all’inizio).

Questo perché? E c’è da chiederselo? Se andiamo a colmare la conca che si forma per le nostre vertebre cervicali, la testa e il collo verranno sostenuti da una posizione rilassata. A questo punto, i recettori invieranno ai muscoli un ordine di relax. In questo modo, si rilasseranno, evitando di sorreggere per tutta la notte il peso della testa.

Posizione corretta per dormire cervicale: consigli

Dopo aver eliminato i cuscini di troppo, soffermiamoci a capire come dormire.

Se abbiamo constatato che alla base del nostro disturbo non ci sono alterazioni a livello cervicale – ottimo – e siamo soliti eseguire gli esercizi per combattere la rigidità muscolare che si crea durante le attività quotidiane, non ci resta che trovare la posizione corretta per dormire cervicale.

Come accennato, la migliore posizione corretta per dormire cervicale è quella supina, con l’accuratezza di posizionare il cuscino come descritto sopra.

Sconsigliata la posizione prona perché il collo rimarrebbe ruotato completamente.

Trovata la posizione corretta per dormire cervicale: supina!

E per chi soffre di tremendi mal di schiena?

Un’altra categoria di persone, “privilegiate” come le precedenti, soffre di tutt’altri sintomi, uno di questi è il temuto mal di schiena. Quale posizione corretta per dormire con mal di schiena si dovrebbe assumere?

Chi mi segue da un po’, sa che prima di scendere nei dettagli, cerco di illustrare le cause dalle quali viene originato il dolore. Non sempre, infatti, acquisire una posizione corretta per dormire con mal di schiena è utile. Alla base della sofferenza che caratterizza questa tipologia di disturbo, trovano spazio molti aspetti. 

Il mal di schiena, considerato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità primo motivo di disabilità, coinvolge vertebre, nervi, articolazioni e muscoli – ovvero tutte quelle strutture di cui è composta la nostra schiena. 

Va da sé che, quando subentra una contrazione dei muscoli, il dolore  – causato da un’infiammazione è immediatamente percepibile.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena, le cause: abitudini di vita non corrette, postura sbagliata, sedentarietà, etc.

Anche il non assumere una posizione corretta per dormire con il mal di schiena già presente, aggrava la situazione.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: quali posizioni consigliare?

Come per i disturbi precedenti, una posizione corretta per dormire con mal di schiena è quella supina: a pancia in su. Attraverso questa postura, infatti, vi è un’ottima distribuzione del peso sulla superficie del corpo. L’allineamento della testa, del collo e della colonna vertebrale sono garantiti e vengono ridotti i punti di pressione. 

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: alternative.

Se alla posizione supina più volte riportata, ci aggiungiamo un cuscino come supporto per le gambe – da inserire sotto le ginocchia – aiutiamo la colonna vertebrale a rimanere nella sua naturale postura, minimizzando il dolore alla schiena. Anche questo accorgimento, seppure all’apparenza di poca importanza, aiuta la posizione corretta per dormire con mal di schiena.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena, altro problema correlato: l’ernia al disco. Quale posizione corretta per dormire con mal di schiena suggerire? Quella fetale. Difatti, l’adozione di tale postura darebbe sollievo, perché dormire su di un fianco, portando le ginocchia al petto, diminuisce la curvatura della colonna vertebrale.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: no alla postura prona. Anche in questo caso, come per il dolore alla cervicale, dormire a pancia in giù è altamente vietato. Il motivo lo abbiamo accennato: poiché la testa è perennemente girata da un lato, la colonna vertebrale è in continua torsione, causando stress non solo su collo e spalle, ma anche sulla schiena.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: rivolgere la testa verso terra.

Se dormire a pancia in giù è la nostra posizione preferita, l’unica che ci permette di addormentarci, un rimedio per limitare le sue conseguenze c’è – ovviamente rimane da escludere, quando e se possibile.

Per evitare che la postura assunta nella posizione da proni ci arrechi dolore, è consigliabile dormire con la faccia in giù, mettendo sotto la testa – che, alzandosi, permette di respirare – un cuscino di piccole dimensioni. Inoltre, per ottimare la postura, andrebbe inserito, sotto lo stomaco, un ulteriore cuscino. 

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: il gioco è fatto!

Alla classifica si aggiunga un’altra alternativa.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: vada retro dormire supini.

Risulta ovvio che, dormire sulla schiena è controproducente.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: posture e abitudini.

A seconda delle caratteristiche posturali e delle abitudini assunte durante la giornata, avrete avuto modo di verificare che una volta coricati a letto, la posizione corretta per dormire con mal di schiena assume le posture più svariate. 

A me personalmente, capita di raggomitolarmi perché all’apparenza il dolore svanisce. Oppure, ancora, mi distendo sul lato con le braccia sotto il cuscino perché è l’unica posizione che mi permette di raggiungere i beati sogni in meno tempo possibile.

Ovviamente, le posture che assumiamo, compromettono la posizione corretta per dormire con mal di schiena, e al mattino, ci risvegliamo sotto forma di mummie. 

Cuscino delle mie brame: strumento d’aiuto.

Posizione corretta per dormire con mal di schiena: il cuscino e l’uso che ne facciamo, può esserci d’aiuto.

Non c’è rimedio che possa togliere gli acciacchi, ma una posizione corretta per dormire con mal di schiena, se non altro, può rigenerarci. 

Un altro punto che vorrei evidenziare, prima di concludere l’articolo, è quello relativo alla posizione corretta per dormire di lato.

Posizione per dormire di lato: vari esempi.

Come abbiamo visto, molte persone prediligono dormire nei più svariati modi e una di queste vede il fianco come soggetto preferito.

Si accennava alla postura fetale: questa, pur non essendo la soluzione ottimale come la supina  – per ovvie ragioni – può d’altro canto aiutare in determinate circostanze. 

Posizione corretta per dormire di lato: quando preferirla.

Chi, per esempio, soffre di bruciore allo stomaco, reflusso gastrico, o di acidità, preferisce coricarsi sul lato (e ricerche scientifiche hanno confermato la preferenza del lato sinistro a quello destro). La stessa posizione corretta per dormire di lato è scelta anche dalle donne in stato di gravidanza perché, soprattutto al termine, aumenta il peso della pancia.

Alla posizione corretta per dormire di lato, della quale si avvalgono le nuove mamme, va associato anche l’utilizzo di un cuscino dietro la schiena, sul fianco. Può, infatti, donare un confort maggiore.

Posizione corretta per dormire di lato: fattore russamento!

E’ riscontrato – e lo abbiamo visto – come la posizione corretta per dormire di lato aiuti a limitare l’atto del russare. Dopo aver assunto la posizione di lato, è sufficiente utilizzare un cuscino di dimensioni più alte. In questo modo, è possibile posizionare il naso sullo stesso livello dello sterno e la testa sul piano del corpo.  

Posizione corretta per dormire di lato: curiosità.

Alcuni studi svolti da Chris Idzikowski, direttore dello Sleep Assessment and Advisory Service di Londra, hanno dimostrato come, a seconda della posizione assunta durante il sonno, la personalità di ogni singolo individuo comunichi un messaggio.

Posizione corretta per dormire di lato: posizione fetale assunta per ritrovare rassicurazione.

Chi opta per la posizione fetale, ha inconsciamente necessità di sicurezza e tende a ricercare un po’ di pace dalla tensione causata dai mille impegni quotidiani. All’apparenza è un soggetto forte e a volte troppo sicuro di sé, ma nella realtà cela insicurezza e timidezza. Una caratteristica peculiare è anche la sensibilità.  

Posizione corretta per dormire di lato: quando è a tronco indica caparbietà.

Le persone che per dormire adottano la posizione a tronco – ovvero sul fianco tenendo testa, collo, gambe e braccia tese – sono socievoli ma tenaci. 

Altre posizioni, altre personalità.

Posizione corretta per dormire di lato: il soldato.

E’ la classica posizione di chi si corica supino ponendo le braccia lungo i fianchi. Il soldatino perfetto. Che personalità indica? Un soggetto che non ama la vita caotica, è pacato, riservato, non predilige attenzioni ed è tranquillo. 

Posizione corretta per dormire di lato: l’avido.

La postura dell’interessato è caratterizzata dalla schiena lievemente piegata, con braccia distese in avanti. Riflette una personalità aperta, ma diffidente. 

Posizione corretta per dormire di lato: caduta libera.

Il titolo suggerisce una postura artistica, ma nella realtà è molto comune. I soggetti che la adottano, dormono proni e hanno le braccia piegate avanti. Suggeriscono un carattere estroverso ma tendente alla permalosità.

Posizione corretta per dormire di lato: destro o sinistro?

La domanda cruciale assume valore significativo. Non a caso, alcune patologie escludono o prediligo il lato destro o sinistro, a seconda dei benefici che ne ricavano.

La posizione corretta per dormire di lato, nello specifico quello destro, è indicata a chi risente di apnea notturna, problemi di russamento o insufficienza cardiaca. La stessa, invece, è sconsigliata a chi soffre di acidità di stomaco, con relativo reflusso gastrico, o a chi accusa acidità.

Per questo motivo, la posizione corretta per dormire di lato, per chi soffre dei disturbi allo stomaco sopra descritti, è quella sul lato sinistro. Come abbiamo già visto, inoltre, la stessa posizione è prediletta per le donne incinta perché consente un’ottima circolazione sanguigna, indispensabile non solo alla donna, ma anche al feto. 

Posizione corretta per dormire di lato: ad ognuno il fianco che preferisce!

La posizione corretta per dormire, lo abbiamo inteso, non elimina i problemi fisici o strutturali del corpo, ma è un ottimo aiuto – e a volte strumento di prevenzione – per alleviare i dolori che ne seguono.

Ogni individuo, a seconda delle proprie abitudini, preferisce assumere una posizione corretta per dormire anziché un’altra dimostrando caratteristiche e personalità differenti.

La ricerca scientifica in continua evoluzione ha raggiunto considerazioni importanti in merito alla posizione corretta per dormire, arrivando a sottolinearne l’efficacia in determinate condizioni fisiche.

E’ vero che cercare la posizione corretta per dormire non è l’unica soluzione, ma una cultura sana del sonno non può che perseguirla. 

Scopri altre info sul nostro blog o sui nostri canali social

Summary
Posizione corretta per dormire: 3 consigli
Article Name
Posizione corretta per dormire: 3 consigli
Description
Posizione corretta per dormire: quanto incide sul sonno? Nell'articolo che andrete a leggere, troverete suggerimenti utili
Author
Publisher Name
Sonny sleep
Publisher Logo

Un integratore Alimentare a base di melatonina, camomilla, valeriana e Vitamina B6.