Posizioni per dormire: 5 consigli da non perdere

posizioni per dormire

Vuoi conoscere le migliori posizioni per dormire? In questo articolo te ne consigliamo almeno 5 per riposare come un angioletto anche in gravidanza!

Non dimentichiamo che la qualità del sonno, spesso dipende dalla combinazione di molti fattori e che quindi il posizionamento della testa e del corpo non potranno essere l’unico fattore determinante ma uno dei fattori.

Oltre alle posizioni per dormire, bisogna preoccuparsi della tipologia di materasso e del cuscino, stile di vita, livello di stress. Tutto ciò infatti può contribuire a migliorare (o peggiorare) la qualità del nostro riposo notturno.

Prima di tutto, parliamo di come posizionare il letto per dormire meglio. Ci sono tantissime credenze e luoghi comuni al riguardo, ma pare che tra le posizioni per dormire bene, dormire con la testa a nord porti dei benefici reali e concreti alla qualità del sonno.

Sembrerebbe che tra le posizioni per dormire, questa sia la posizione migliore per assicurare al proprio fisico un riposo profondo e rigenerante, ideale a favorire un riposo sereno, continuato e senza fastidiosi risvegli notturni. Assumere questa posizione prima di coricarsi, è anche il modo migliore, secondo la tradizione, per migliorare le funzioni legate alla respirazione e alla circolazione.

Secondo una spiegazione scientifica e numerose ricerche svolte in merito, pare che i campi elettromagnetici si espandono verso sud e da qui si vede come dormire con la testa a nord possa portare quindi numerosi vantaggi.

Come posizionare la testa e il letto

Tra le migliori posizioni per dormire bene, bisogna tenere conto della posizione della testa.

posizioni dormire

La migliore pare sia dormire con la testa a nord, posizionando così il polo positivo del corpo (ovvero la testa) in opposizione al polo negativo della Terra (Sud), permettendo al nostro corpo di scaricare l’elettricità durante il sonno.

La scienza fornisce un’altra motivazione sull’ assumere questa tra le migliori posizioni per dormire, perché porta la pressione arteriosa ad abbassarsi per la presenza di ferro nel sangue che seguirebbe il naturale flusso magnetico. Così, il sistema circolatorio si mette a riposo ed il fisico impiega un limitato dispendio di energie.

Particolarmente consigliato è, inoltre, dormire sul fianco sinistro.

Esistono quindi diverse filosofie di pensiero come il Feng Shui, che suggeriscono diversi posizionamenti della testa quando si dorme. A seconda di ciò che si riterrà più valido e opportuno alle proprie esigenze si stabilirà come disporre i mobili della camera da letto, ovviamente partendo dalla testata del letto.

Posizioni per dormire e Feng Shui

Anche secondo il Feng Shui è ottimale Dormire con la testa a nord per recuperare le nostre energie e riconnetterci con le nostre radici (passato, origini), la direzione principale è quella alle spalle, cioè verso la nuca (direzione della testata del letto).

posizioni per dormire in gravidanza

In breve, secondo i principi e le priorità sui cui si basa il Feng Shui, è necessario valutare la posizione della camera rispetto alla porta d’ingresso, per evidenti motivi di sicurezza; la seconda priorità è quella di valutare la posizione del letto rispetto alla camera per dormire con la testa a nord; infine bisogna valutare l’orientamento del letto.

Un consiglio a tutte le persone che viaggiano è quello di annotare come si dorme quando si cambiano le solite posizioni per dormire. Questa è una cosa che si può fare ad esempio in vacanza o in altre situazioni informali in cui possiamo dormire in una posizione diversa da quella che abbiamo a casa.

Per riconoscere le posizioni per dormire bene, bisogna imparare a conoscerci e a sperimentare su se stessi , se ci accorgiamo di un sonno particolarmente rilassante e diverso dagli altri, è importante annotarsi la direzione del letto. Per fare questo, è sufficiente portare con sé una piccola bussola (elemento indispensabile per chi si interessa di Feng Shui!) poi si può replicare a casa l’orientamento per vedere se ci dà lo stesso effetto oppure no.

In sostanza, per quanto riguarda il comfort e la tranquillità nel sonno, la direzione non è molto importante

Posizioni per dormire bene: dormire supino

Tra le posizioni per dormire bene si può scegliere tra dormire supino, proni, di fianco, o in altri modi che, però, possono anche causare dolori alla schiena, alle spalle o alla colonna vertebrale.

posizioni dormire 1

Ci si chiede spesso quali siano le migliori posizioni per dormire bene ed erroneamente si può pensare che ad esempio dormire supino fa male, ma non è realmente così.

Infatti, la posizione supina è la migliore per dormire, in quanto può apportare diversi benefici alla propria salute e al proprio organismo. Anche all’interno delle sale operatorie e degli ospedali, infatti, ci invitano a dormire supino o, comunque, a cercare di stare con la faccia e la pancia rivolta verso l’alto.

In questo modo, tenendo la schiena a stretto contatto con il materasso, si riesce ad allinearla perfettamente evitando posizioni troppo scomode per il proprio corpo.

D’altronde, dormire supino (una delle posizioni per dormire più utilizzate) significa proprio essere sdraiati sulla schiena con la faccia rivolta verso l’alto o verso il tetto.

Il contrario, invece, viene definito dal termine prono, ovvero l’atto di dormire con la pancia e la faccia rivolte verso il basso. In questo senso, il corpo sarà sempre in posizione orizzontale, e le mani possono essere posizionate sia sul collo che dietro la testa. Tuttavia, dormire in questo modo potrebbe essere la causa di dolori provenienti da posture scorrette, come fastidi all’addome e al petto.

Non a caso, è consigliabile fare esercizi specifici per le articolazioni e per il corpo, come il Pilates, lo Stretching o lo Yoga. In questo modo, si riesce a sciogliere i muscoli e le ossa, rendendoli più flessibili e resistenti. Ecco perchè, anche se alcuni dicono che dormire supino fa male, è molto consigliato farlo, in quanto la schiena sarà sempre ben dritta e allineata.

A differenza di come molti possono pensare, l’atto del dormire a pancia in su non fa affatto male, anzi, porta al corpo numerosi vantaggi che possono migliorare il benessere del proprio organismo. In particolare, dormire supini è una delle posizioni per dormire che riduce maggiormente il rischio di mal di schiena.

Quando dormire supino è sconsigliato

Se invece soffrite di apnea ostruttiva del sonno, ovvero una malattia che causa l’ostruzione delle vie respiratore, dormire supino è altamente sconsigliato.

posizioni per dormire bene

Se, siete soliti russare in modo particolarmente forte, o producete dei suoni soffocati simili a dei versi, allora molto probabilmente soffrite di apnea ostruttiva del sonno. In questi casi, provare a rivolgersi a degli esperti potrebbe fare davvero la differenza piuttosto che cercare corrette posizioni per dormire.

In caso di tale patologia, le migliori posizioni per dormire bene, è suggeribile mettersi in posizione laterale o, comunque, stare supini ma con la testa più sollevata rispetto al corpo.

Molte persone potrebbero preferire questa posizione semplicemente perchè è più comoda, anche se si accusano dolori. Quindi, se avvertite, per esempio, dolori o fastidi alla zona lombare, è assolutamente consigliabile provare a posizionare un piccolo cuscino sotto alle ginocchia.

In questo modo, si fornirà un ottimo supporto al corpo intero, facendo sì che le gambe restino leggermente piegate favorendo la corretta posizione della schiena e, di conseguenza, prevenendo dolori e fastidi. In questo caso, parliamo di una posizione neutra della colonna vertebrale.

Se, invece, accusate piccoli dolori sulla zona cervicale, ovvero la parte che si pone tra collo e testa, dovete sicuramente fare attenzione al modo in cui avete posizionato il cuscino e al suo spessore. Infatti, se questo sarà troppo alto o troppo basso, potreste avere dei problemi di cervicale che, nel tempo, possono accentuarsi notevolmente.

Optate, quindi, per cuscini di media grandezza posizionati ad un’angolazione corretta, cercando di fare diverse prove.

Posizioni per dormire lateralmente

Non è raro che le persone preferiscano dormire lateralmente, ovvero su un fianco. In questi casi, si parla specificatamente di posizione in decubito laterale. Molto semplicemente, ci si posiziona in modo che la zona laterale del corpo sia posizionata sul materasso e, spesso, si mettono le gambe leggermente piegate, a volte una sopra l’altra.

Farlo nel modo scorretto, però, può letteralmente storcere la schiena, disallineandola nel lungo termine. In questo senso, quindi, è opportuno cercare di apportare determinate modifiche al proprio modo di dormire, così da evitare complicazioni durante la notte.

Per esempio, se appena svegli accusate dolori alla schiena e al collo, sarà molto importante provare a posizionare un cuscino al centro delle gambe. In questo modo, queste saranno ben allineate senza toccare l’una con l’altra, favorendo anche l’allineamento della colonna vertebrale.

Inoltre, è anche consigliabile valutare la possibilità di modificare la posizione del cuscino che si ha sotto la testa, controllandone l’altezza e lo spessore. Se avete dolori al collo, optate per un supporto più alto, in quanto il collo non deve essere inclinato né verso il soffitto né verso il letto. 

Ancora, provate a posizionare un cuscino in modo che possiate appoggiarci soltanto una gamba sopra, mettendolo sul letto all’altezza delle gambe stesse. Se ciò non bastasse, una buona attività fisica al mattino potrebbe davvero fare la differenza, in quanto verrà favorito il buon riposo durante la notte.

Dormire proni

Anche se dormire proni può far male rispetto al dormire supini, tale posizione potrebbe giovare alla vostra salute in diverse situazioni. Infatti, questa potrebbe essere la modalità preferita di diversi individui, in quanto risulta particolarmente comoda se si vuole stare larghi, per esempio aprendo le braccia e le gambe mentre si dorme.

Tra l’altro, in alcuni casi, dormire supino fa male, quindi è suggeribile cercare una posizione migliore in modo da prevenire dolori, fastidi e complicazioni. Tuttavia, per dormire proni senza farsi male, è opportuno che il collo rimanga in posizione neutra, ovvero ad un livello tale da non causare dolori cervicali.

Innanzitutto, è opportuno togliere il cuscino da sotto la testa, in quanto ciò vi costringerà a girare il collo lateralmente. In questo modo, però, piuttosto che ruotare il collo senza girare la colonna vertebrale, sarete anche costretti a muovere la schiena, favorendo l’allineamento della stessa.

Un altro consiglio molto utile può essere l’atto di utilizzare un ulteriore cuscino da posizionare sotto la pancia. In tal senso, viene favorita la corretta posizione della zona lombare, portandola su una posizione neutra e favorendone il giusto funzionamento. Fate caso, per esempio, a tutte quelle volte che dormite a pancia in giù e accusate forti dolori alla zona bassa della schiena.

Ecco, in quei casi posizionare un cuscino sotto la pancia risolverebbe sicuramente il problema. Infine, evitate di tenere braccia e spalle sotto il busto, poiché vi svegliereste con ossa e nervi accavallati, accusando ulteriori dolori nel lungo termine.

Cercate, invece, di tenerle aperte e verso l’alto, così da favorire l’allineamento della zona delle spalle.

Posizioni per dormire in gravidanza

Abbiamo appurato che se si hanno alcune patologie particolari come le malattie ostruttive del respiro, dormire supino fa male, e si potrebbe insorgere in molte complicazioni nel lungo termine.

Tra l’altro, è sempre opportuno prendere le giuste precauzioni prima di andare a letto, come per esempio posizionare i cuscini all’altezza giusta, metterne uno sotto la pancia o tra le gambe. Inoltre, abbiamo anche visto che esistono numerose posizioni per dormire, tra cui la posizione prona e la posizione in decubito laterale.

Queste, possono essere valide alternative se non si vuole dormire supino e si vogliono evitare dolori cervicali. Tuttavia, dormire a pancia in giù apporta numerosi benefici al proprio organismo, e si rivela essere il metodo più consigliato per riposare la notte.

Poter evitare situazioni di reflusso, favorendo al contempo il buon risposo e il giusto allineamento della colonna vertebrale, infatti, non sono assolutamente aspetti da sottovalutare.

Ma esistono accorgimenti e quali sono invece le migliori posizioni per dormire in gravidanza?

Certo, ovviamente ci sono dei consigli specifici sulle posizioni per dormire in gravidanza.

La posizione per dormire più sicura in gravidanza è quella sul fianco, perché la posizione supina è associata a un aumento del rischio di morte in utero.

Durante la gravidanza sappiamo che il sonno può essere, a un certo punto della gestazione, un po’ difficoltoso. Nei primi mesi di gravidanza la sensazione che si ha è quella di voler dormire costantemente, invece nel corso dei mesi successivi l’aumento del volume della pancia, l’azione degli ormoni, il frequente stimolo di urinare, uniti alla sindrome delle gambe senza riposo, possono rendere il nostro sonno davvero difficoltoso.

Per ridurre a zero i rischi e riuscire a trovare la posizione dormire serenamente in questo stato interessante è sempre giusto informarsi sulle posizioni per dormire in gravidanza.

Indipendentemente dal tipo e dal periodo della gravidanza, molti studi dimostrano che dormire supine nel terzo trimestre di gravidanza, aumenta il rischio di morte in utero. Quindi il consiglio è quello di riposare sul proprio fianco, magari con l’aiuto dei cuscini. 

Tuttavia, se non sapete come fare o accusate ulteriori dolori o fastidi, rivolgetevi ad un medico o ad uno specialista che potrebbe aiutarvi ad assumere le posizioni dormire più adatte alle vostre esigenze.

Scopri altre info sul nostro blog o sui nostri canali social

Summary
Posizioni per dormire: 5 consigli da non perdere
Article Name
Posizioni per dormire: 5 consigli da non perdere
Description
Vuoi conoscere le migliori posizioni per dormire? In questo articolo te ne consigliamo almeno 5 per riposare come un angioletto anche in gravidanza!
Author
Publisher Name
Sonny sleep
Publisher Logo

Un integratore Alimentare a base di melatonina, camomilla, valeriana e Vitamina B6.