Sogni premonitori: 1 esperienza a confine tra inconscio e realtà

Sogni premonitori

I sogni premonitori sono uno di quegli argomenti di cui tutti hanno sentito parlare, che sia in maniera diretta oppure indiretta poco conta, non sono in pochi a credere che esistano veramente. I sogni premonitori sono quelle particolari esperienze oniriche che portano a vivere delle situazioni che poi si presentano anche nella vita reale, con le stesse identiche modalità o comunque molto simili

Quindi i sogni premonitori sarebbero una sorta di finestra aperta sul futuro, alcuni tendono ad affidare loro un carattere quasi divinatorio. Ovvio che per credere a questa particolare tipologia di sogni occorre anche avere fiducia in quelle che sono le arti profetiche, altrimenti non ha senso.

Ad esempio per alcuni i sogni premonitori sono solo una casualità. Come afferma il filosofo Robert Todd Carroll secondo il quale su 6,5 miliardi di persone che vivono su questo piante, i quali sognano ogni notte, se qualcuno di loro fa sogni su catastrofi che poi realmente si verificano, è una pura casualità.

Secondo il filosofo e scrittore Robert Todd Carroll, ad esempio, il sogno premonitore rientrerebbe nella famosa legge dei grandi numeri: ci sono 6,5 miliardi di persone su questo pianeta che vantano una media di 5 sogni a notte. Ergo, se alcuni di loro sognano disastri naturali o tragedie che poi si verificano è solo una pura casualità, data magari da un’emotività condivisa.

Sogni premonitori: un po’ di storia

Le arti divinatorie non sono certo un qualcosa di nuovo in questo mondo, anzi a dire il vero sono un argomento che da molti anni invadono il sapere popolare. Come abbiamo già detto, i sogni premonitori vi rientrano di diritto.

sogno premonitore

Ma per parlare di cosa sia un sogno premonitore vogliamo partire da un esempio che potremmo definire illustre, il Titanic. Sembra che furono centinaia le persone che hanno sognato il disastro della nave, tra di esse 19 sono le testimonianze che si possono definire attendibili.

Sempre Carroll di cui abbiamo parlato in apertura avrebbe però affermato che si trattasse di menti particolarmente sensibili.

In ogni caso quando si parla di sogni premonitori lo scetticismo regna sovrano, questo soprattutto perchè non tutto quello che li riguarda si può spiegare in maniera azionale. Ci sono ad esempio dei sogni per cui diviene indispensabile riuscire a interpretarne il significato, per comprendere se si tratti o meno di un sogno premonitore.

Anche di questo abbiamo un esempio. Mark Twain uno notte sognò il fratello morto in una bara di metallo, su cui vi era un fiore rosso.

Trascorsero solo alcune settimane quando Henry Twain muore nell’esplosione di un battello e il corpo viene riposto in una bara di ferro. Quando Mark vede la salma del fratello, nota una donna che posa sopra la bara una rosa rossa sopra.

Sogno premonitore? Molto dipende dai punti di vista.

Un messaggio degli Dei

Nell’antichità i sogni venivano visti come se fossero dei messaggi che arrivano dagli Dei. I sogni erano un ponte tra il mondo umano e quello spirituale e quindi grazie ad essi si poteva operare una comunicazione sia con i Dei che con i Demoni.

sogni premonitori baci

Non di rado si decideva di ricorrere al sogno proprio per ottenere dei consigli e magari anche per avere delle premonizioni. A testimonianza di questo uno dei libri più autorevoli al mondo, la Bibbia.

Non sono pochi i sogni premonitori che trovano posto tra le sue pagine, come ad esempio la notizia della gravidanza di Maria. Sempre grazie a un sogno Dio dice di fuggire dall’Egitto.

Una firma autorevole come quella di Tommaso d’Aquino, nella sua Somma Teologica affermerebbe che in tutti i sogni c’è un qualcosa di soprannaturale. A volte però sono espressione di un agire di stampo demoniaco.

La teoria razionalistica

Poi ovviamente ci sono delle teorie che poggiano tutto su una risposta razionale a quelli che sono i sogni premonitori. Secondo i razionalisti il cervello durante il giorno vive delle esperienze e raccoglie dei dati.

sogni premonitori significato

Ovviamente per rielaborare il tutto c’è bisogno di un certo tempo, che si traduce nei sogni notturni. Quindi non si può parlare di sogni premonitori, piuttosto di una risposta razionale e una rielaborazione di quello che succede veramente, nella vita di tutti i giorni.

In altre parole, per i razionalisti i sogni premonitori non esisterebbero, sono solo rappresentazioni della mente. Quasi come se ciò che avviene poi fosse qualcosa di veramente inevitabile, che sarebbe successo in qualunque caso.

Sogni premonitori e teoria quantistica

Anche la teoria quantistica ha deciso di esprimersi sui sogni premonitori e il significato. Secondo questa teoria la realtà sarebbe costituita dai quanti, che sarebbero delle radiazioni elettromagnetiche molto rapide che vendono mosse da forse che non sarebbero fisiche.

sogni premonitori significato

Basandosi sull’idea quantistica che due oggetti possono occupare uno stesso posto nello stesso momento solo se vibrano a velocità differenti, si è arrivati all’ipotesi della multi-dimensionalità. In sostanza qualunque possibilità non solo è già stata creata ma è anche possibile.

Braden afferma che il nostro mondo sarebbe formato da pacchetti di luce che vibrano a velocità diverse. Sulla terra questi pacchetti darebbe vita a forme come i minerali, la vegetazione e gli animali, oltre ovviamente all’uomo.

Nel resto dell’universo le vibrazioni sono molto più veloci e sfuggono alla percezione umane. Solo durante il sogno l’uomo è in grado di liberarsi dalla materia per procedere sulle strade dei ritmi spaziali.

Da tali esperienze deriverebbero i sogni che altro non sono se non dei presentimenti e delle premonizioni.

Sogni premonitori e simbologia

Nel caso dello scrittore il sogno premonitore era piuttosto chiaro, ma questo non si verifica sempre. Per capire quale sia dei sogni premonitori il significato occorre procedere cercando di comprenderne anche i segnali meno espliciti.

Ci sono ad esempio dei sogni premonitori che si presentano come se si facesse un viaggio. In questo caso indicano una situazione che inizia o che sta per concludersi.

Un vero e proprio evergreen dei sogni premonitori è anche quello di cadere, che in genere identifica la perdita di controllo in un certo contesto, che sia esso personale o lavorativo. Ma un altro simbolo molto forte per quel che riguarda i sogni premonitori sono sicuramente i capelli.

Questi in genere sono un segno di estrema femminilità e sognare di perderli ha un importante significato. Sì, sognare di perdere i capelli può essere un sogno premonitore, probabilmente ci saranno delle difficoltà future da affrontare, soprattutto per quel che riguarda la sfera intima con il proprio partner.

E per quel che riguarda i sogni premonitori bacio? Essi potrebbero semplicemente indicare che si sente un forte interesse nei confronti di una certa persona.

Non si tratta propriamente di un sogno premonitore, piuttosto di un desiderio inespresso che cerca di trovare sfogo nel sogno.

Riconoscere un sogno premonitore

Comprendere il significato di un sogno premonitore non è così semplice, esattamente come non lo è, a volte, riuscire a comprendere se si è veramente di fronte a un sogno premonitore oppure no. Quindi la domanda che sorge è se sia possibile o meno riconoscere i sogni premonitori in una qualche maniera.

Ci sono alcuni esperti in campo onirico che tendono ad affermare che sono sogni premonitori quelli che si ripetono con una certa frequenza e che lasciano delle sensazioni molto forti di quello che accade. Certo questo è un metodo ma non una certezza.

Cosa vuol dire questo? Che dei sogni emotivamente molto forti possono verificarsi anche in periodi particolari della vita, quando si è sottoposti ad eccessive preoccupazioni, quando si nutrono delle speranze.

In questa casi i sogni riescono solo a descrivere lo stato d’animo e non annunciano nessun tipo di evento in particolare.

Insomma quello che sembra essere un sogno premonitore è possibile che non lo sia ed è importante prestare molta attenzione a questo, perchè la vita è fatta di variabili che il sogno non prende in considerazione. Quindi anche nel caso in cui si sognino dei numeri, non è detto che poi vi possa essere un’effettiva vincita.

L’importante è riuscire sempre a rimanere razionali e con i piedi ben agganciati per terra.

I sogni premonitori e la psicoanalisi

Segnale di quanto i sogni premonitori siano un argomento che hanno spaccato da sempre le opinioni, anche i due padri della psicoanalisi si sono su di essi scontrati rilevando che avevano pensieri completamente differenti tra di loro. Stiamo parlando di Jung e di Freud, due dei massimi esponenti in materia, che non si sono fatti sfuggire l’occasione di parlare dei sogni premonitori.

Ti stupirà forse sapere che per Freud i sogni premonitori non esistono. Quindi il fatto che qualcosa che si sogna possa diventare poi effettivamente realtà è solo una paura coincidenza.

Un pensiero che come abbiamo visto era condiviso anche da Todd Carroll con la sua legge dei grandi numeri di cui in precedenza abbiamo parlato. Diverso invece era il pensiero di Jung.

Sì, proprio Jung, grande amico di Freud lo contraddice su quello che è un sogno premonitore e afferma che esso esiste. Per Jung esisterebbero quelli che lui definisce i grandi sogni.

Cosa sono? Si tratterebbe di esperienze oniriche che sono così intense da mettere in comunicazione con quelle che sono le forse primordiali. In questi casi, è possibile sognare qualcosa che poi effettivamente succederà.

Il déjà-vu

I sogni premonitori non sono da confondere con quello che in gergo viene definito déjà-vu. Su tale fenomeno non sono mancate espressioni di psicologi autorevoli.

Ad esempio Arthur Funkhouser in un suo studio rivelò che in adolescenza vide un amico che parcheggiava la sua bicicletta. Quella semplicissima azione gli portò alla mente un’immagine vista in un sogno passato.

Partendo da ciò lo psicologo affermò che tanto i sogni premonitori quanto i déjà-vu sarebbero frutto dello sviluppo di alcune strutture nervose e cognitive. Ma non mancò la testimonianza del ricercatore Kazuhiko Fukuda che nel 2002 condusse uno studio su alcuni universitari e rilevò che il 40% di loro aveva sperimentato almeno una volta l’esperienza dei sogni premonitori.

Questi però non avevano mai provato un déjà-vu, come inizialmente sembrava. Questo studio permise di affermare che i due fenomeni vengono spesso confusi.

I sogni premonitori e la vita

Il sogno è uno strumento che la psiche offre al nostro corpo per riuscire a recuperare le energie che si perdono durante la giornata. Il segreto è evitare di pensare prima di andare a dormire.

Pensare ai sogni premonitore potrebbe alterare la qualità del sonno e per questo si consiglia di non pensarci. In fondo la vita con i sogni premonitori ha ben poco a che fare considerando che si tratta di una serie di eventi e di scelte differenti.

La vita può manifestarsi durante i sogni, ma in genere questo succede quando qualcosa ci affligge o ci disturbo. In questo caso i sogni sono espressione dell’inconscio.

Ovviamente la dimensione del sogno non smette di essere parallela alla vita normale. Un uomo con molti sogni ha probabilmente una vita piena di esperienze.

Ne sono esempio gli artisti, con una vita piena di sogni.

Sogni premonitori: per concludere

Insomma i sogni premonitori sarebbero esperienze oniriche in cui si vive un’esperienza che di lì a poco si potrebbe verificare nella realtà. Su di essi si sono espressi diversi personaggi illustri, alcuni che affermano con certezza che esistono realmente ente i sogni premonitori, altri che invece affermano che non siano possibili.

Il razionalismo ci insegna che spesso ciò che succede è solo frutto del naturale procedere degli eventi, questo vuol dire che non c’è nulla di vero sui sogni premonitori. Ma ovviamente questa non è l’unica visione.

Certo è che anche un illustre personaggio come Sigmund Freud affermava che in un sogno premonitore non ci fosse nulla di vero, mentre Jung identifica quelli che lui stesso definisce grandi sogni. Delle esperienze molto particolari e potenti che porterebbero a vivere degli avvenimenti che poi si presenteranno realmente.

Insomma si tratta di un argomento sicuramente controverso, al margine tra la realtà e ciò che la mente umana forse vorrebbe che fosse. Sicuramente una buona dose di risposte si possono ottenere dalla capacità di interpretare i sogni e i simboli che in essi si nascondo.

Salutandoti ti invitiamo a seguirci sul nostro blog e sui nostri canali social.

Summary
Sogni premonitori: 1 esperienza a confine tra inconscio e realtà
Article Name
Sogni premonitori: 1 esperienza a confine tra inconscio e realtà
Description
I sogni premonitori sono uno di quegli argomenti di cui tutti hanno sentito parlare, che sia in maniera diretta oppure indiretta poco conta, non sono in pochi a credere che esistano veramente. I sogni premonitori sono quelle particolari esperienze oniriche che portano a vivere delle situazioni che poi si presentano anche nella vita reale, con le stesse identiche modalità o comunque molto simili
Author
Publisher Name
Sonny Sleep
Publisher Logo

Un integratore Alimentare a base di melatonina, camomilla, valeriana e Vitamina B6.