Cuscini per dormire: 5 modi per scegliere quello giusto

cuscini per dormire

Vuoi sapere quali cuscini per dormire scegliere? Dormire è fondamentale per la nostra salute, e farlo nel migliore dei modi diventa un aspetto cruciale della nostra vita. Molti si chiedono come fare per riposare al meglio, e si trovano una infinità di soluzioni efficaci anche online.

Tra le tante, molti consigliano di affidarsi a pillole o prodotti per dormire, a cibi che conciliano il sonno quando non si sa cosa mangiare prima di dormire, o ad altri rimedi naturali che apportano numerosi benefici all’organismo. Tuttavia, molti non considerano il fatto che munirsi dei migliori cuscini per dormire freschi può essere cruciale per il nostro riposo.

Oltre a mantenere una corretta posizione quando si dorme, infatti, si dovrebbe porre la giusta attenzione sul tipo di cuscino che si sta usando. Potreste trovare, per esempio, cuscini larghi, stretti, imbottiti, non imbottiti, e via dicendo. Di conseguenza ognuno di questi può essere più o meno adatto in base ai vostri bisogni.

Difatti, in base alla posizione che si assume quando si dorme, si potrebbe aver bisogno di un tipo di cuscini per dormire diverso dall’altro, in modo da evitare complicazioni nel lungo termine. Per esempio, quando dormite a pancia in su o a pancia in giù, vi potrebbe servire cuscino basso o comunque adatto a non far incrinare troppo il collo, evitando e prevenendo distorsioni fastidiose.

Ma quindi, come si fa a scegliere i migliori cuscini per dormire freschi e riposare nel modo corretto? Proviamo a scoprirlo insieme!

Cuscini per dormire in base alla posizione assunta

Abbiamo detto pocanzi che in base alla posizione che si assume quando si dorme, si potrebbe aver bisogno di un determinato tipo di cuscino per dormire.

cuscini per dormire freschi

Per esempio, se dormite spesso sulla schiena, ovvero supini, è necessario munirsi di cuscini per dormire morbidi, possibilmente con uno spessore medio. I materiali più indicati, tra l’altro, sono la schiuma e il lattice, perfetti per seguire le forme del collo e della testa.

Dall’altro lato, se dormire a pancia in giù, e quindi fate forza sulla zona lombare e del fondoschiena, sarebbe opportuno rimuovere completamente il cuscino, o optare per cuscini per dormire morbidi ma poco spessi. Come tipologia di materiali, consigliamo sicuramente la piuma o elementi sintetici. Inoltre, è vivamente consigliato provare a posizionare un secondo cuscino sotto la pancia, in modo da allineare la zona lombare e la colonna vertebrale.

Per chi ama dormire sui fianchi, invece, sono indicati tipi di cuscini per dormire freschi duri e caratterizzati da uno spessore medio-alto. In questo modo, la testa sarà allineata perfettamente con la schiena.

I nostri suggerimenti

Tuttavia, è importante sottolineare la presenza di un ulteriore cuscino in mezzo alle gambe. Ciò, infatti, consentirà di non farle toccare tra di esse, riportando la colonna vertebrale nella posizione corretta. Come materiali, suggeriamo sicuramente la schiuma e il lattice.

migliori cuscini per dormire

Vi girate più volte? Niente paura, perchè abbiamo pensato anche a quello! Non è raro, infatti, trovare individui che non riescono a trovare la posizione corretta quando dormono. Per voi, appunto, abbiamo pensato a dei cuscini dalla rigidità media e con medio spessore, possibilmente in lattice.

Infine, per gli individui che soffrono di allergie, cuscini per dormire in schiuma, sintetici o in lattice sono particolarmente indicati. Naturalmente, scegliere il cuscino per dormire giusto può essere una vera e propria impresa. Proprio per questo motivo, vogliamo mostrarvi di seguito alcuni fattori importanti in modo che sappiate selezionare i migliori cuscini per dormire freschi con facilità.

Come scegliere l’imbottitura giusta

E’ risaputo che i tipi di cuscini più diffusi in commercio sono quelli in lattice, schiuma, piuma d’oca e sintetici. Tali materiali, infatti, favoriscono il conciliarsi del sonno e riescono ad adattarsi più o meno alla nostra fisionomia, senza causare particolari dolori o fastidi a collo, schiena e spalle.

i migliori cuscini per dormire 1

Tuttavia, è opportuno acquistare il guanciale con l’imbottitura corretta secondo diversi aspetti, soprattutto in base alle proprie necessità. Quelli in piuma, per esempio, sono particolarmente morbidi, e sono caratterizzati dalla capacità di tornare alla loro forma originale anche dopo che vengono schiacciati.

Quindi, non forniscono un gran supporto al collo, ma lo “avvolgono” tenendolo donando un gran senso di comodità. Appunto, i cuscini per dormire realizzati con piuma d’oca o d’anatra sono particolarmente indicati per chi dorme spesso sulla pancia. Difatti, chi dorme in questo modo non dovrebbe tenere un cuscino sotto la testa, anche se uno in piuma d’oca potrebbe garantire un maggior senso di freschezza.

I cuscini in materiale sintetico, invece, hanno generalmente delle morbide parti interne imbottite e traspiranti realizzate in poliestere. Questi sono molto morbidi, ma sono leggermente più rigidi rispetto a quelli in piuma d’oca. Tuttavia, i cuscini per dormire sintetici sono comunque indicati per chi dorme a pancia giù, e non per chi dorme supino o lateralmente.

Il lattice

Dall’altro lato, troviamo i cuscini in lattice, sicuramente indicati sia per i soggetti allergici agli acari sia per chi dorme sui fianchi. Questo perchè la loro durezza li rende perfetti per fornire supporto. Se ci pensate un attimo, quando dormite di lato tendete a posizionare le braccia sotto la testa, fornendole supporto.

i migliori cuscini per dormire

Munirvi di un cuscino per dormire in lattice, quindi, può essere fondamentale, in quanto previene diversi fastidi nella zona del collo.

Inoltre, questo elemento è in grado di seguire le linee e la fisionomia del corpo, quindi si rende utile anche a chi cambia spesso posizione o si trova scomodo in un determinato momento della nottata.

Per quanto riguarda i cuscini per dormire in schiuma, questi possono essere realizzati con schiuma di poliuretano espanso, un materiale molto flessibile e utilizzato soprattutto negli ultimi anni. Più comunemente, il poliuretano espanso è conosciuto come memory foam, ovvero una schiuma che memorizza le forme del vostro corpo. Proprio per tali caratteristiche, è forse una delle tipologie di cuscini più gettonata in assoluto.

Nello specifico,, si rendono ottimi alleati di tutti coloro che dormono con la testa rivolta verso l’alto o su un fianco, poichè offrono un gran supporto misto a tanta morbidezza.

Come scegliere un cuscino per dormire per bambini

Dal punto di vista dei materiali, dello spessore e del livello di morbidezza, tutto ciò che abbiamo visto finora è riferito a soli individui adulti. Anche se può sembrare banale, infatti, i bambini hanno bisogno di diverse tipologie di cuscini per dormire freschi rispetto ad un soggetto più grande.

D’altronde, la tipologia di cuscino da scegliere varia anche in base alla propria statura, al proprio peso e alla propria corporatura. Provate ad immaginare, per esempio, un neonato dormire su di un cuscino morbidissimo: si ritroverebbe completamente avvolto dal cuscino e non riuscirebbe a dormire nella posizione corretta e, possibilmente, si soffocherebbe.

La testa di un neonato, infatti, è molto più piccola, e non è in grado di spostarsi durante la notte, in quanto manca la giusta struttura muscolare. Quindi, optate per un materasso di qualità, piuttosto che per un buon cuscino.

Se, però, volete garantire un maggior senso di freschezza, optate per cuscini piccoli, poco spessi e dalla rigidità media, in modo che il neonato possa essere sorretto nella maniera corretta. Fate anche attenzione a scegliere cuscini per dormire antiallergici e anti-soffocamento, così che possiate stare tranquilli durante la notte.

In quanto a materiali, il più consigliato è forse il memory foam, in quanto in grado di eliminare la presenza di acari e polvere sul copricuscino. D’altronde, il memory foam è anche tra i più gettonati in assoluto.

Ho la cervicale: quali sono i migliori cuscini per dormire freschi?

Non è affatto raro trovare soggetti che soffrono di cervicale o fastidi al collo. Questo, appunto, è dovuto proprio alla mancanza di un buon cuscino per dormire. La scelta di un ottimo cuscino per cervicale può dipendere da numerosi fattori e, innanzitutto, dall’intensità della vostra cervicale.

Tra l’altro, è opportuno sottolineare che il prezzo dei migliori cuscini per dormire per soggetti affetti da cervicale può essere superiore rispetto a quello dei modelli tradizionali. Questo perchè i cuscini per cervicale hanno solitamente delle tecnologie e dei sistemi massaggianti integrati al loro interno, che consentono di sciogliere la tensione dei muscoli.

L’idea è quella di sentirsi come se ci si trovasse all’interno di un centro massaggi. Inoltre, questi sono totalmente ergonomici, quindi sono in grado di seguire perfettamente le forme della testa e del collo, così da ”accompagnarle” a dovere durante il riposo.

Difatti, gli elementi utilizzati sono un po’ diversi dal memory foam, in quanto vengono realizzate combinazioni che ne aumentano l’efficacia. In linea di massima, troverete cuscini per dormire per soggetti affetti da cervicale realizzati con trattamenti di Aloe Vera, Memory e Polar Gel, lastre in Memory e altre tipologie di materiali morbidi ed ergonomici.

Per orientarvi, è giusto dirvi che il prezzo di questi cuscini per dormire freschi può variare dalle 45 alle 120 euro. Anche se può sembrare molto, se si tratta di un vero e proprio trattamento medico sul proprio corpo che può risolvere complicazioni davvero spiacevoli.

I migliori cuscini per dormire freschi: quanto costano?

Avete sicuramente intuito che, in base alla tipologia di materiale scelto per i vostri cuscini per dormire, anche il prezzo può variare. Ovviamente, ognuno di essi è realizzato con procedure particolari che, quindi, hanno prezzi diversi.

Il prezzo può oscillare tra le 13 e le 65 euro per quelli in piuma d’oca. Questo varia in base a livello di morbidezza, spessore e livello di imbottitura. Quelli sintetici sono sicuramente i meno costosi, e possono partire da un prezzo base di appena 2 euro, arrivando a punte di 30 o 35 euro a seconda della casa produttrice.

Quelli di fascia media, ovvero quelli in lattice, hanno un prezzo che oscilla tra le 20 e le 80 euro, giustificati dalla loro versatilità. Infatti, come abbiamo visto sopra, sono perfetti sia per chi dorme di lato sia per chi cambia posizione in continuazione durante la notte.

Per quanto riguarda quelli in schiuma o memory foam, invece, il prezzo base è di appena 15 euro, ma i modelli più pregiati possono toccare punte di ben 130 euro. Ovviamente, i più costosi sono quelli indicati per i fastidi al collo o per cure che, in alternativa, vanno eseguite da un medico o un dottore specializzato nel settore.

Ogni quanto devo cambiare il mio cuscino?

In linea di massima, un cuscino può mantenere le sue caratteristiche in maniera ottimale per almeno 4 o 6 anni. In tal senso, gli esperti consigliano di cambiare i propri cuscini per dormire ogni cinque anni circa, in modo da prevenire qualsiasi problema.

Infatti, i cuscini possono spesso accumulare polvere, acari o batteri che possono insediarsi nel nostro organismo, anche se cerchiamo di tenerli puliti al meglio. Inoltre, la loro capacità di supporto, la loro morbidezza e l’imbottitura interna possono rovinarsi molto nel tempo, finendo per farvi dormire male piuttosto che bene.

Per aumentarne la durata, potreste decidere di far prendere aria al cuscino prima di rifare il vostro letto. Vi basterà mettere il cuscino all’aperto una o un paio di volte a settimana, magari togliendo anche il copricuscino. Così si libererà sicuramente da acari e polvere e, se lo girate diverse volte, tornerà alla sua forma originale.

In quanto ai lavaggi, evitate di metterlo in lavatrice troppe volte, soprattutto se non lavabile. Tuttavia, suggeriamo di optare per cuscini per dormire lavabili, di cui le federe vanno lavate ogni 2 o 3 mesi al massimo. Ovviamente, è inutile dire che vanno preferiti i modelli traspiranti, così da non sudare durante la notte.

Conclusioni

Abbiamo visto molto velocemente quali sono i metodi giusti per individuare i migliori cuscini per dormire freschi. Ognuno di noi ha diritto ad un buon riposo, in quanto garantisce il corretto funzionamento dell’organismo.

Quindi, dopo aver scelto il vostro materasso preferito e aver individuato la posizione in cui siete soliti dormire, potrete scegliere il cuscino perfetto per voi. Vi basterà, inoltre, impostare un tetto massimo di prezzo, valutare le vostre esigenze principali e scegliere di conseguenza.

Inoltre, potreste anche optare per fare un piccolo spuntino poco prima di mettervi a letto in modo da conciliare il sonno.

In pochi semplici passaggi, riuscirete a dormire come avete sempre desiderato!

Scopri altre info sul nostro blog o sui nostri canali social

Summary
Cuscini per dormire: 5 modi per scegliere quello giusto
Article Name
Cuscini per dormire: 5 modi per scegliere quello giusto
Description
Vuoi sapere quali cuscini per dormire scegliere? Dormire è importantissimo per la nostra salute, e farlo nel migliore dei modi è ancora più importante.
Author
Publisher Name
Sonny sleep
Publisher Logo

Un integratore Alimentare a base di melatonina, camomilla, valeriana e Vitamina B6.